scheda tecnica
http://nuova500.free.fr
dettagli

 

FIAT 500 F
Produzione: 1965/1972
 
DIMENSIONI
INGRANDIRE
 
MOTORE: Tipo 110F.000
Cilindrata
499,5 cc
Potenza max
18 CV
Compressione
7,1:1
Velocit max
oltre 95 Km/h
 
TELAIO: Tipo 110F (F/L) *
da n 0824001 a n 1056856 (1965)
da n 1056857 a n 1333077 (1966)
da n 1333078 a n 1674690 (1967)
da n 1674691 a n 2011357 (1968)
da n 2011358 a n 2362389 (1969)
da n 2362390 a n 2742562 (1970)
da n 2742563 a n 2971992 (1971)
da n 5016129 a n 5057789 (1971)
da n 6030953 a n 6081301 (1971)
da n 2993913 a n 3096091 (1972)
da n 5057790 a n 5096649 (1972)
da n 6086576 a n 6120574 (1972)
*include dal 1968: 500 F / 500 L
produzione: Fiat /Autobianchi/ Sicilfiat
 
INTERNO:
Tachimetro scala max 120 Km/h
Alla plancia interruttori allineati
Tasca portacarte di plastica
Maniglie chiudiporta di plastica
Nuova maniglie apertura porta
leve devioluci di plastica nera
unico gancio centrale chiusura tetto in plastica nera
Tappezzerei liscia e in tinta unita dal 1968
 
ESTERNO:
Porte "controvento" di sicurezza
Nuovo serbatoio di 22 litri a sviluppo orizzontale
Nuovo logo Fiat sulla calandra in plastica (dal 1966)
Luce portatarga di plastica (dal 1966)
Nuova marmitta
Nuovo logogramma posteriore (dal 1969)
Abolizione profili di alluminio sulla fiancata e sul cofano anteriore
Parabrezza maggiorato
Nuove luci posteriori più ampie
 
ACCESSORI:
Gomme a fascia bianca
Autoradio
Antifurto bloccasterzo
Sedili registrabili
Interno in panno
 
GAMMA COLORI:
Blu scuro
(456)
'57/'75

Bianco

(233)
'63/'75
Grigio Garda
(604)
'70/71
Rosso medio
(115)
'60/'71
Rosso corallo scuro
(165)
'71/'75
Avorio antico
(234)
'68/'73
Bianco aurora
(243)
'70/'70
Giallo Thaiti
(276)
'71/72
Blu turchese
(419)
'68/'71
Blu oriente
(498)
'70/'71
Beige sabbia
(583)
''63/'73
Acquamarina
(433)
'63/'68
PREZZO:
475.000 lire (1965)
600.000 lire (1972)
 
  
 

FIAT 500 F

La Fiat 500 D finalmente ottenne il giusto e meritato riconoscimento che agli inizi sembrò mancare alla vetturetta. Giunti alla metà degli anni 60 venne introdotta una nuova versione destinata ad un ancora più clamoroso successo: la 500 F.

Lievi ma sostanziali le modifiche alla carrozzeria; furono eliminati inutili preziosismi esaltando, invece, l'aspetto funzionale.

il semitetto ed il padiglione, venne realizzato in un'unico pezzo di lamiera in luogo di tre pezzi imbullonati fra loro della D. A questa modifica fece seguito l'ampliamento longitudinale e trasversale del parabrezza. Il tetto in tela invece adottò un unico gancio centrale di plastica nera in luogo dei due gancetti metallici. Con il modello F, di seguito, scomparve anche la cinghia di chiusura a tetto aperto.

Scomparvero i profili di alluminio lucidato sul cofano anteriore, posteriormente sotto il lunotto e sulla fiancata all'altezza della portiera; furono ridisegnate le luci posteriori, ora più piatte e più ampie.

Sicuramente la modifica sostanziale più visibile rimane l'apertura delle portiere con movimento "controvento" (cioé di sicurezza), questo permise anche l'abolizione delle antiestetiche cerniere esterne. Come apertura venne adottata una maniglia a pulsante di disegno elegante con la serratura su entrambe le portiere.

Identici nelle dimensioni, ma differenti nel disegno (ora a fascio asimmetrico) i fari anteriori e le luci di posizione; per queste ultime venne soppressa la basetta di alluminio comparsa sulle D.

Alle ruote furono introdotte delle coppe di metallo cromato in sostituzione dell'allumino.

Dal 1966 il fragio anteriore in tre pezzi venne sostiuito con un'unico fregio di plastica, così come venne sostituito il portalampada della luce targa posteriore che dall'alluminio, diviene in plastica. Dal 1969 nuovo logogramma "Fiat 500" a losanghe, in sostituzione della scritta "nuova 500" di alluminio.

A partire dai modelli F/L di produzione successiva al 1970 viene modificata la posizione della lucetarga sullo sportello motore, posizionata ora leggermente più in alto rispetto alle serie precedenti.

All'interno, così come all'esterno, la F presentava molte novità soprattutto sul tema della semplificazione e dell'economia costruttiva, abolendo particolari realizzati fino ad allora in metallo, ora sostituiti con la plastica.

Plancia: Modifiche al tachimetro: identico nel disegno a quello delle serie precedenti ma con scala portata a 120 Km/h. Per semplicità costruttiva si adottò un nuovo sistema di fissaggio dello strumento indicatore allo chassis di plastica: fino al modello D la calotta era separabile. Gli interruttori vennero allineati a fianco della chiave di accensione, mentre le spie degli abbaglianti e degli indicatori di direzione, un tempo al lato sinistro del tachimentro, risultano ora separati dallo stesso: vennero inoltre semplificate abolendo il dispositivo che consentiva di variare la luminosità ruotando sul proprio asse. Cambiarono inoltre i materiali delle leve del devioluci (ora in plastica nera) e del gancio di chiusura del tetto in tela (in luogo dei due gancetti in metallo).

La tasca portacarte, fino ad allora in lamiera, viene ora realizzata in plastica nera.

Le nuove portiere controvento introdussero una nuova leva di apertura dall'interno, realizzata in metallo; le maniglie di chiusura vennero invece prodotte in plastica nera.

Si segnalano tuttavia, nei primissimi esemplari di F, la presenza di particolari della D (maniglie di chiusura interne di alluminio, tasca portacarte in metallo...)

La tappezzeria nel 1968 fu semplificata abolendo la lunetta bianca allo schienale dei sedili anteriori (1968); cambia la tinta del telaio della capote che risulta ora verniciato di nero (dal 1959 fino al 1967 rimase in beige)

Alla meccanica si riscontrò un lievissimo aumento di potenza che elevò la potenza massima a 18 CV. Venne inoltre maggiorato il filtro dell'aria e venne introdotto un dispositivo di ricircolo dei gas di sfiato.La marmitta risultò di nuova concezione: non più "a bussolotto", ma realizzata con due semigusci saldati fra loro.

Altri dettagli rigurdarono la sostituzione del reggispinta della frizione con un cuscinetto a sfere anziché in grafite; giunti e semiassi maggiorati, così come risultarono irrobustiti i cilindretti dei freni anteriori e i bracci delle sospensioni.

Nel cofano anteriore fu posto un nuovo serbatoio a sviluppo orizzontale, della capacità 22 litri.

Settembre 1968: alla 500 F venne affiancata (e poi, praticamente, sostituita) una nuova versione più rifinita: la 500 Lusso.

 

INGRANDIRE
plancia
 

INGRANDIRE

interno
 
INGRANDIRE
posti anteriori
.
interno e porta
 
INGRANDIRE
sedili ante 1968
 
INGRANDIRE
plancia
 
porta controvento
.
INGRANDIRE
fanale posteriore
.
INGRANDIRE
il nuovo serbatoio
 
INGRANDIRE
motore
 
INGRANDIRE
vista anteriore
 
vista anteriore
 
vista posteriore
 
confronto D e F
 
logo post 1969
 
pubblicità d'epoca